Informazioni personali

La mia foto
Dino ama tutto ciò che di semplice e bello la Vita può offrire.E' solito contornarsi di animali e piante che allietino i suoi pensieri e stimolino la sua osservazione verso tutti quei fenomeni che la natura,sua maestra di Vita,continuamente gli trasmette condizionando e migliorando il suo inquieto ma sereno divenire...................

sabato, ottobre 08, 2011

Lu cane (poesia in vernacolo)

LU CANE



Cce bbole,cu me mozzica stu cane

Ca sta mme face tuttu stu casinu?

Ci la criatu! e nu se staie cittu

Crai senti sorma e puru lu vicinu.



Ma cce lli zzicca, furmine e saietta:

ole cu ssimu, armenu cussì pare,

ma addhruè cca scire, cce bole, na purpetta?

Nà, teni e cittu e lassame mpannare!



E cce la spiccia! essi, essi, vane,

sangu, cce fusce, l’aggiu sicutare

cu visciu propriu ieu cce l’ha ziccatu

furmne de lu focu mpizzicatu!



...Eccu ca mo se spiega la commedia :

sintia ndoru de fimmina stu cane.

Guarda come la ndora nnamuratu,

guarda comu la gira e mò è zumpatu!



Sciamune a casa, Dinu, lassa stare,

lassali stare suli st’animali:

a menzu a quistu munnu discraziatu

cu spiccia bonu armenu pelli cani!!!


Traduzione

Ma che vuole mordermi questo cane

Che mi sta facendo tanta confusione?

Ma chi lo ha creato? E continua a far chiasso

Domani si lamenteranno mia sorelle e gli altri vicini.





Ma che gli prende fulmini e saette:

vuole che usciamo, almeno così sembra

ma dove vorrà andare? Vorrà una polpetta?

Ecco tieni, sta zitto e lasciami dormire.



Ma non la finisce! Si va bene vai

Ma come corre, lo devo seguire

Per vedere proprio che gli è preso

Per tutte le scintille di un fuoco acceso!



…..Ecco che ora si spiega la commedia:

sentiva odore di femmina questo cane.

Guarda come la odora innamorato

guarda come le gira intorno ed ora le è saltato sopra.



Andiamocene a casa Dino, lasciamo perdere,

lasciamoli stare soli questi animali:

in mezzo a questo mondo disgraziato

che finisca bene almeno per i cani!!!

1 commento: