Informazioni personali

La mia foto
Dino ama tutto ciò che di semplice e bello la Vita può offrire.E' solito contornarsi di animali e piante che allietino i suoi pensieri e stimolino la sua osservazione verso tutti quei fenomeni che la natura,sua maestra di Vita,continuamente gli trasmette condizionando e migliorando il suo inquieto ma sereno divenire...................

lunedì, gennaio 30, 2012

I concili di Nicea e di Efeso.

Dino Licci-trinità-acrilico su tela 80-110


Io a volte mi chiedo, con profonda meraviglia, di quale prodigiosa macchina pensante disponiamo nascosta nella nostra cavità cranica. Il pensiero, per esempio, viaggia molto più velocemente della luce ed in questo momento mi sta trasportando ai primordi del Cristianesimo quando uomini come noi, ma rivestiti di cariche religiose prestigiose, litigando violentemente tra loro, decisero, nel corso di movimentati concili, che Cristo aveva natura divina e quindi che la Madonna fosse la “Madre di Dio”. Mi riferisco alle lotte intestine alla Chiesa tra Ario, Alessandro, Cirillo, Nestorio e così via.

Districarsi in questi meandri è cosa ardua ma io tenterò di sintetizzare il più correttamente possibile tante verità. Nella peggiore delle ipotesi e cioè nel caso che questo scritto non interesserà nessuno, mi sarà servito a riandare indietro con la memoria fino ai tempi in cui un vecchio giornalaio mi regalò (50 anni fa) una “Storia della filosofia occidentale” di BERTRAND RUSSEL, che avrebbe condizionato in seguito tutta la mia vita culturale. Qualche giorno fa parlavamo con un gruppetto di amici amanti della mitologia greca, del pantheon delle antiche divinità e di Artemide in particolare. Parlavamo insomma della civiltà MICENEA che è quella, colorata da un appassionante velo leggendario, descritta da Omero nella sua Iliade e nella sua Odissea. Questa civiltà attinse molto dalla civiltà MINOICA, quella cretese, per intenderci, civiltà caratterizzata da un’impronta di gaiezza e di lusso che la rendeva molto dissimile dall’austera solennità delle credenze egizie. Di Creta si sapeva molto poco fino agli scavi ed agli studi compiuti da sir Arthur Evans dal quale apprendiamo che era una civiltà marittima che aveva stretti contatti commerciali con gli Egiziani. La civiltà cretese ruotava intorno al "palazzo di Minosse" a Cnosso, il cui ricordo perdura nelle tradizioni della Grecia classica. La sua religione aveva molte affinità con le religioni dell’Asia minore e della Siria e credo di poter azzardare che attingesse anche al Brahmanesimo da cui discende l’attuale Induismo ma anche, in parte, il nostro Cristianesimo.

Bene, i cretesi adoravano, tra l’altro, una divinità: la “SIGNORA DEGLI ANIMALI” che si aggirava nei boschi in compagnia del suo giovane figlio, unica deità maschile nota, a parte il “signore degli animali”, gemello di Artemide, come presto si sarebbe chiamata la “Signora,”. Artemide si sarebbe trasformata, nel mondo romano, in Diana d’Efeso ed appunto col concilio di EFESO, nel 431 d.c. nella VERGINE MARIA nella quale il Cristianesimo trasferì la deità di cui parliamo, che diventò DEIPARA, cioè madre di Dio. Non sono certo io ad assumermi la responsabilità primaria di quanto scrivo in quanto riferisco quanto vado studiando su testi spesso trascurati nella cattolicissima Italia. Insomma “relata refero”, limitandomi a riferire quello che apprendo e allenando la mia mente al raziocinio e all’analisi critica delle Verità rivelate.

Il concilio di Efeso era stato preceduto dal primo concilio di NICEA (325 d.c.) che affermava l’identità sostanziale tra Gesù e Dio (consustanzialità tra il Padre e il Figlio) e dal concilio di COSTANTINOPOLI (381 d.c.), con il quale, alle figure di Gesù e di Dio, venne aggiunto lo Spirito Santo, costituendo definitivamente la SANTISSIMA TRINITA’. Chiarisco che io sono agnostico e riferisco, intorno alle religioni, le notizie storiche che conosco e ricerco contestando, ove posso, tutto ciò che sa di fondamentalismo e intransigenza a qualsiasi credo appartenga. Per questo ho riportato, nella seconda parte del mio saggio, “Lettere a un’amica” scaricabile gratuitamente da “Cultura Salentina”
un compendio di tutte la maggiori religioni del mondo. Buona lettura.

Nessun commento:

Posta un commento