Informazioni personali

La mia foto
Dino ama tutto ciò che di semplice e bello la Vita può offrire.E' solito contornarsi di animali e piante che allietino i suoi pensieri e stimolino la sua osservazione verso tutti quei fenomeni che la natura,sua maestra di Vita,continuamente gli trasmette condizionando e migliorando il suo inquieto ma sereno divenire...................

lunedì, maggio 21, 2012

Un epitaffio in latino di Jung:




 "Orphanus sum, solus tamen ubique reperior, unus sum sed mihi contrarius, iuvenis et senex simul, nec patrem nec matrem novi, quia levandus sum e profundo ad instar piscis, seu delabor a coelo quasi calculus albus, nemoribus montibusque inerro, in penitissimo autem hominem delitesco, mortalis in unumquodque caput, non tamen tangor temporum mutatione."

Traduzione:
"Sono orfano, solo, tuttavia mi si trova ovunque , sono uno ed anche il mio contrario, giovane e vecchio allo stesso tempo, non conosco né padre né madre, perché devo essere levato su dal profondo come se fossi un pesce, o perché cado dal cielo come un bianca pietra, per foreste e montagne mi aggiro, ma sono nascosto nell'interiorità dell'uomo, per tutti sono mortale , ma non vengo sfiorato dal trascorrere delle stagioni ."



Probabilmente Jung voleva parlarci dell’inconscio che è orfano e solo nel senso che nessuno conosce la sua origine pur facendo parte della totalità del creato, viene trovato ovunque perché l’inconscio e in ogni uomo ed è contrapposto alla sua parte cosciente ed è insieme giovane e vecchio per quella dicotomia che alberga nell’animo umano e che viene mediata dalla saggezza e dalla ragione. Inoltre è difficile prenderne coscienza perché si cela nei meandri più reconditi della nostra mente e ci deriva da un atto divino. Nascosto nell’uomo è mortale per il singolo individuo, ma è immortale per l’umanità considerata nel suo insieme.






1 commento: