Informazioni personali

La mia foto
Dino ama tutto ciò che di semplice e bello la Vita può offrire.E' solito contornarsi di animali e piante che allietino i suoi pensieri e stimolino la sua osservazione verso tutti quei fenomeni che la natura,sua maestra di Vita,continuamente gli trasmette condizionando e migliorando il suo inquieto ma sereno divenire...................

sabato, dicembre 01, 2012

IL pericolo delle droghe



Io credo che se l’opinione pubblica fosse seriamente informata sui pericoli delle droghe, i genitori farebbero più attenzione nel tenere i propri ragazzi lontani dal pericolo di queste dannosissime sostanze ed anche i ragazzi, se ben informati, sarebbero giustamente terrorizzati dagli effetti collaterali che esse producono sull’organismo. Sarebbe doveroso da parte della scuola informare i discenti su come stanno le cose ma la scuola ha docenti all’altezza del compito? Ho discusso spesso in un forum che frequentavo prima, con professori che ridendo confessavano di farsi ogni tanto uno spinello e questo mi ha fortemente indispettito conoscendo perfettamente, data la mia professione, quali conseguenze comporta l’intraprendere questa strada dal difficile ritorno. Ma vediamo in sintesi quali sono i benefici e gli effetti secondari delle droghe più comuni:

• Alcool
Noi non ci rendiamo conto che l’alcool è una droga perché siamo abituati a consumarlo sotto forma di vino o birra ma il nostro fegato, se ne abusiamo, se ne accorge subito e basta fare un semplice esame di laboratorio, la gamma GT, per rendersi conto se c’è rischio di danno. L’alcool dà una certa sensazione di benessere e stimola la conversazione e l’ilarità ed in piccole dosi (un mezzo bicchiere a pasto), non può far male, ma il suo abuso comporta danni gravissimi che vanno fino alla cirrosi epatica e danni irreversibili al cervello.

• Anfetamine
Queste si presentano sotto forma di pasticche e si assumono per non far sentir la fatica, che invece è un segnale importantissimo che ci arriva dal cervello per farci capire che abbiamo bisogno d’immediato riposo. Queste droghe imbrogliano il cervello che non può più salvaguardarci dagli eccessi di lavoro e possono produrre un innalzamento enorme della pressione arteriosa ed un aumento velocissimo della temperatura corporea, che può raggiungere i 42 gradi C;

• Ecstasy
Terribili anche gli effetti dell’ecstasy che per alcuni individui possono avere conseguenze già con l’uso di una sola pastiglia. Insieme con l’alcool può dare disidratazione e comporta un aumento abnorme dei battiti cardiaci, aumento della pressione e temperatura corporea che raggiunge i 42 gradi C come fenomeni immediati e depressione ed insonnia come fenomeni cronici;

• Cocaina
Tipico della cocaina innalzare la potenza sessuale e dare l’impressione di essere forti e potenti ma nell’immediato può provocare tremori, tachicardia ed ipertensione mentre, a lungo andare, diminuisce proprio le capacità sessuali e fa sentire stanco e debole chi ne fa uso. L’uso contemporaneo della cocaina ed altre droghe può produrre arresto cardiaco;

• Cannabis
Questa droga può provocare un senso di benessere ed euforia e facilitare i rapporti con gli altri, ma le conseguenze sono spesso legate ad una sensazione di isolamento, torpore, demotivazione e perfino veri attacchi di panico;

• Eroina
Questo derivato dell’oppio agisce sul Sistema Nevoso Centrale deprimendolo e facendo sentire chi ne fa uso, in una specie di torpore che lo allontana dal dolore e dall’angoscia, ma può provocare perfino la morte per soffocamento, dato che agisce deprimendo il tono muscolare e quindi anche la funzione dei muscoli respiratori.

In queste brevi note ho voluto stigmatizzare i pericoli delle droghe più diffuse, una vera calamità per l’umanità, ma la mia non è certo una relazione esaustiva:mancano all’appello i pericoli del Viagra e Sexstary, della Ketamina, dell’LSD, della Salvia Divinorum, del GHB, del Popper, dello Smart drugs, e degli psicofarmaci usati in modo scorretto.

In laboratorio esistono test di screening rapidissimi per vedere se nelle urine di una persona esistono tracce di queste sostanze, ma un genitore ha il diritto di ledere la privacy di un figlio per accertarsi facendole analizzare a sua insaputa?

A questo punto l’analista deve porsi anche questo problema ed il giurista dovrebbe venire in aiuto a tanti angosciati genitori. E tutti noi dovremmo contribuire a vincere questa battaglia contro un male invisibile ma veramente terribile.

Nessun commento:

Posta un commento