Informazioni personali

La mia foto
Dino ama tutto ciò che di semplice e bello la Vita può offrire.E' solito contornarsi di animali e piante che allietino i suoi pensieri e stimolino la sua osservazione verso tutti quei fenomeni che la natura,sua maestra di Vita,continuamente gli trasmette condizionando e migliorando il suo inquieto ma sereno divenire...................

martedì, dicembre 24, 2013

Alan Turing e l'omofobia



Grazia postuma della Regina al matematico britannico Alan Turing. L’uomo che decriptò i codici nazisti usati dai sommergibili tedeschi, era stato condannato per omosessualità quasi 60 anni fa. L’Einstein della matematica, pioniere dell’informatica moderna, morì nel 1954 a 41 anni per avvelenamento. Alcuni storici attribuiscono al suo genio la caduta di Hitler.”

E’ una notizia di questi giorni e somiglia molto al perdono di Galileo Galilei da parte della Chiesa. Molto probabilmente l’Inghilterra tutta deve la sua salvezza al genio di questo grande matematico che  riuscì a decodificare il famoso “codice Enigma” con il quale i militari  e diplomatici tedeschi comunicavano tra loro.  Nel 1946, pur non essendo mai stato al fronte, Turing fu insignito della  “Medaglia dell’Ordine dell’impero britannico” senza che nessuno conoscesse il motivo di questa onorificenza. Egli lavorava infatti nei servizi segreti britannici che riuscirono a neutralizzare la potenza devastatrice dei sommergibili tedeschi che infestavano le acque britanniche. Ma Turing fece ancora di più. La sua mente brillante puntava all’intelligenza artificiale, una macchina cioè molto più ambiziosa dei già tanto sofisticati  computers  di cui oggi disponiamo e che interagisse col mondo esterno essendo dotata di  una sorta di recettori sensoriali.  Forse  Turing  ci sarebbe riuscito, lui che veniva considerato l’ultimo della classe dai suoi insegnanti delle scuole medie superiori, lui che si tolse la vita avvelenandosi con una  mela intrisa di cianuro dopo aver subito pesanti umiliazioni da parte della sua patria ingrata.  Infatti, al di fuori  dei suoi meriti come crittografo e matematico, Turing era un uomo come tanti altri assoggettato agli  stimoli ormonali che la Natura gli aveva imposto. Turing era omosessuale in un tempo in cui in Inghilterra tale requisito era considerato reato. Scoperto casualmente, dopo aver denunciato un furto subito da un “amico” che aveva ospitato in casa, il grande matematico fu interrogato a lungo e, scoperta la sua conclamata omosessualità, subì una castrazione chimica  che gli causò la perdita della libido oltre a un’evidente ginecomastia. Molto probabilmente queste le cause del suo suicidio in un mondo non ancora pronto a recepire gli insegnamenti della biologia e della filosofia, schiavo di un’etica che si basa ancora su antichi principi di natura ideologica e/o clericale che emargina, seleziona, isola, condanna con un' ottica miope e settaria, foriera di ingiustizie senza fine. Molti geni, molte menti eccelse del passato, da Giordano Bruno a Galileo Galilei, da    Campanella a Giulio Cesare  Vanini, da Oscar Wilde ad Alan Turing, hanno pagato il loro non essere allineati a quelle condizioni fideistiche che ammorbano la pacifica convivenza  delle genti. Voglio ricordarlo oggi, il giorno di Natale del 2013, sperando che una festa che ingloba e riunisce in un ideale di pace laici e credenti di ogni nazionalità, possa aprire le menti di chi è deputato a legiferare, formare, istruire, rendendoci migliori per salvaguardare da queste atrocità le generazioni future.

Nessun commento:

Posta un commento