Informazioni personali

La mia foto
Dino ama tutto ciò che di semplice e bello la Vita può offrire.E' solito contornarsi di animali e piante che allietino i suoi pensieri e stimolino la sua osservazione verso tutti quei fenomeni che la natura,sua maestra di Vita,continuamente gli trasmette condizionando e migliorando il suo inquieto ma sereno divenire...................

lunedì, marzo 24, 2014

Marmellate e confetture



Ad uso e consumo di mia moglie Elena, cuoca sopraffina.

Come conservare i cibi
Lo sapevate che l’acqua è un fattore di crescita importante  per la vita  dei batteri? La conservazione di molte sostanze alimentari si basa infatti sulla sua eliminazione parziale o  totale.
L’uso di sale (a secco o in salamoia), zucchero o alcool, determina negli alimenti una  sottrazione di acqua traducendosi  così in una azione conservante. Infatti  il sale e lo zucchero si legano all’acqua presente rendendola inutilizzabile per i microrganismi.
Per conservare gli alimenti è inoltre possibile impiegare acidificanti come l’aceto che, abbassando il pH, impediscono la moltiplicazione dei batteri. Anche la fermentazione lattica e quella acetica  aumentano  l’acidità di un alimento creando un ambiente sfavorevole  allo sviluppo dei microrganismi patogeni. E’ utile anche ricordare  che i batteri sono  mesofili, prediligendo  una temperatura che va dai 25 ai 40 gradi. Per questo congelare un alimento lo preserva dalla decomposizione ma interrompere la catena del freddo (scongelare e poi ricongelare un alimento),  è pericoloso perché i batteri riportati ad una temperatura ottimale dopo il congelamento, moltiplicano la loro velocità di crescita.
Sempre riguardo la conservazione di cibi, sarà utile ricordare che è la presenza dello zucchero ad impedire la decomposizione delle marmellate o confetture.
Qual è la differenza tra le due?

La marmellata contiene una percentuale di agrumi ( arance, mandarini, pompelmi) paro al 20%.

La confettura si realizza invece con qualsiasi altro tipo di frutta in  percentuale variabile tra il 35 ed il 45 % .

La gelatina  utilizza invece  solo  il succo della frutta senza la buccia o la polpa.

                                                                                                    Dino


Nessun commento:

Posta un commento