Informazioni personali

La mia foto
Dino ama tutto ciò che di semplice e bello la Vita può offrire.E' solito contornarsi di animali e piante che allietino i suoi pensieri e stimolino la sua osservazione verso tutti quei fenomeni che la natura,sua maestra di Vita,continuamente gli trasmette condizionando e migliorando il suo inquieto ma sereno divenire...................

martedì, maggio 06, 2014

Il ragno e i filosofi




Alcune religioni orientali dimostrano un tale rispetto per gli animali che i suoi adepti sono forniti di fazzoletti con cui si coprono la bocca ad impedire l’involontaria ingestione di qualche piccolo essere. Così il GIAINISMO  che conta alcuni milioni di fedeli i quali  vedono in Mahavira (il grande eroe), il loro fondatore, mentre disconoscono i Veda ed il Brahmanesimo. La loro dottrina si basa essenzialmente sul rispetto totale per qualsiasi essere vivente, persino del più piccolo insetto. Sono perciò vegetariani e filtrano persino l’acqua per non rischiare di ammazzare microrganismi in essa presenti. L'idea che gli animali  siano anch'essi soggetti di diritti, sembra non aver neppure sfiorato la mente degli occidentali, della loro filosofia e delle loro religioni. Eppure noi abbiamo un cervello che, sino all’ipotalamo, è abbastanza simile a quello degli altri mammiferi, tanto è vero che si chiama mammaliano. Insomma gli animali superiori mancano della corteccia, cioè della capacità d’astrazione e dell’uso della parola e del pollice opponibile ma,  per il resto, sono abbastanza simili a noi. Significa che condividono con noi i sentimenti come l’amore, l’odio, la gelosia, il piacere,la paura. Ma anche gli animali cosiddetti  inferiori  soffrono e temono la morte. Anzi un grande filosofo come Nietzsche considera la vita come una lotta per l’esistenza che riguarda tutti gli esseri viventi interpretando in modo globale la teoria ormai accettata da tutti i biologi del mondo di Charles Darwin. Dalle amebe ai lombrichi, dai pesci agli anfibi, dagli uccelli ai mammiferi, c’è nell’Universo intero, un ordine straordinario che predilige non il più forte ma il più adattabile all’ambiente in cui vive. Avrebbero dovuto spiegarlo a Hitler, che interpretò  a suo modo la teoria nietzschiana  del superuomo!
 Ancora oggi  le sofferenze che vengono  inflitte agli animali dagli esseri umani, sembrano   cosa ovvia e perfettamente naturale, e trovano consenzienti anche molti filosofi quali, con l’eccezione, forse,  di Montaigne, esclusero gli animali e i loro diritti dalla sfera dell’etica. 

Io non sono contrario alla vivisezione per scopi scientifici  quando la si attui correttamente e cioè anestetizzando totalmente l’animale, ma solo oggi sembriamo accorgerci dei diritti dei nostri fratelli  “minori”  Un esempio  d’insensibilità nei loro confronti lo trovo sfogliando internet e incappando nella "favola dei suoni" di Galilei che, ne “Il Saggiatore”,descrive la vivisezione di una cicala compiuta certo  a scopo scientifico, ma senza che le sofferenze inflitte all'animale vengano prese minimamente in considerazione .

Ed  anche in tempi recentissimi sia la religione che la Scienza sembrano infischiarsene dei dolori perfino  dei loro simili se è vero, com’è vero, che lo psichiatra Cerletti, nella prima metà del Novecento, sperimentò la pratica dell'elettroshock dapprima sugli animali condotti al macello, indi sui detenuti delle patrie galere.
Tornando agli animali, ci accorgiamo che la filosofia moderna, pur ignorando, nella maggior parte dei casi, un’esclusione di essi  dalla sfera dell’etica, pure pone le basi, con Leibniz per esempio, per un rispetto totale verso tutti gli esseri viventi.
Egli, nel secolo diciassettesimo contrastava in pieno con le teorie di Cartesio e Spinoza che ritenevano gli animali privi di anima con tutte le limitazioni che io personalmente assegno  alla parola “anima”. Ma, al tempo, era una discriminante essenziale.
In verità Montaigne aveva osteggiato esaurientemente  e caparbiamente il  maltrattamento degli animali ma Cartesio, che pure conosceva le obiezioni di Montaigne, liquidò superficialmente  considerandola priva di interesse.  Molto più attento ai problemi etici, Spinoza ne trattò più diffusamente ma
rinvenendo dei ragni, amava  farli combattere tra loro, oppure, rinvenendo delle mosche, le gettava nella ragnatela e osservava la battaglia con immenso piacere, a volte ridendo».

Egli considerava  un male la compassione in  quanto essa  è un sentimento non idoneo a guidare le azioni umane, mentre solo la ragione può essere deputata a tale scopo.In secondo luogo la compassione comporta dolore, mentre  è compito di ciascuno  di noi ricercare il proprio piacere. Insomma come  le nozioni razionalistiche di Cartesio (il suo  “cogito ergo sum”) sono la   consapevolezza  di identità personale, così la valutazione  dell’empatia, e più in generale del sentimento, è, per Spinoza,  prerogativa unica degli umani. La posizione di Leibniz era invece diversa. Egli criticava la dicotomia espressa  nelle dottrine di Cartesio e Spinoza, tra  mente e materia, tra “res cogitans e res extensa” tra razionalismo ed empirismo. Egli sottolineava invece la continuità tra l'intelletto e l’esperienza empirica dei nostri sensi,  tra la vita cosciente e quella inconscia, individuando  negli animali una forma di vita diversa solo nel grado da quella dell'uomo. E, tenne sempre  fede ai propri principi:

“ Leibniz non uccideva le mosche, per quanto moleste potessero essergli, perché gli sembrava un delitto distruggere un meccanismo tanto ingegnoso».

 Come riferisce Kant, che con la “critica della  ragion pura”, avrebbe sanato le tesi discordanti dei razionalisti e degli empiristi,

 “Leibniz, servendosi di un foglio, riportava sull'albero un piccolo verme, su cui aveva compiuto le sue osservazioni, affinché per sua colpa non gliene venisse alcun danno. Distruggere questa piccola creatura senza ragione, non avrebbe potuto  non turbare un uomo”.

 Oggi la moderna etologia classifica in modo chiaro la differenza tra animali generalisti, dotati cioè di una mente pensante (gatto, cane, polpo) e animali specializzati a reagire a uno stimolo sempre nello stesso modo (la cozza che chiude le valve senza dover ragionare). Ma, al di fuori di ogni considerazione anatomica, il rispetto verso ogni forma di vita dovrebbe essere presente in ognuno di noi tale è la perfezione che esiste in ogni essere , animale o pianta  che popoli il nostro bel pianeta.
A coronamento di questo mio breve scritto buttato giù in fretta, voglio riproporvi una mia vecchia poesia che  immagina un ragno pensante,un progetto gettato proprio come l’uomo nell’immensità dell’Universo:

IL RAGNO


T’aspetto, dolce aurora, alla finestra,
scruto tra i rami un segno, quel bagliore
che mi ridesti dalla notte mesta,
che fughi la tristezza dal mio cuore.

Finora m’ha tenuto compagnia
un ragno ballerino che tesseva
lesto leggiera tela e levitava
e al suono dei miei ansiti danzava.

Un soffio un po’ più forte, un movimento
e lui si ferma immobile a scrutare.
Sembra si chieda che cos’abbia in testa,
dove lo porti questo lento andare.

Che vuoi pensare ragno ballerino
con quel cervello tanto limitato?
Lo stesso errore l’ho già fatto io,
Sommerso come te nel gran Creato.

Torna a danzare sulla lieve tela
ch’è trappola di mosche e di zanzare
ma che l’incanto della notte mesta
ha trasformato in pista  per ballare!






Nessun commento:

Posta un commento